Vitamine, attività fisica e sport

LE VITAMINE: BASTANO QUELLE DEL CIBO O SERVE UNA INTEGRAZIONE?


Una dieta sana e equilibrata e variata dovrebbe soddisfare le esigenze vitamine e minerali della  maggior parte degli atleti: tuttavia, in alcuni sport in cui è necessario uno stretto controllo del peso per restare o entrare in una determinata categoria, è possibile, in fase di restrizione dietetica, consumare una limitata quantità di alcune vitamine  ed  in questi casi, l'integrazione vitaminica / minerale può essere utile. 

La utilità comunque resta teorica: sono state studiate diversi tipi di integrazioni  per migliorare le prestazioni e sono state compiute ricerche sulle  vitamine  del gruppo B, sugli integratori multivitaminici, sulle vitamine  antiossidanti C, E e  carotene.

Certamente una carenza di vitamine B può compromettere le prestazioni fisiche, ed una performance ridotta è stata osservata dopo 3-4 settimane di una dieta sperimentale insufficiente  Tuttavia, gli atleti che mangiano liberamente con un adeguato intake energetico e con alimenti ricchi in  carboidrati e proteine di alta qualità, non dovrebbero avere nessuna carenza e nessun deficit prestazionale. 

La letteratura suggerisce anche che gli integratori multivitaminici / minerali non sono necessari per atleti o altri individui fisicamente attivi con una alimentazione equilibrata e un'adeguata assunzione di energia. Diversi studi ben controllati non hanno riportato effetti significativi su test di laboratorio e con sport specifici .

Anche le vitamine antiossidanti (Carotene, vitamina C e vitamina E ) sono state studiate per migliorare le prestazioni in fase di esercizio e di gara e per  mitigare gli effetti negativi dell' esercizio stesso sulle funzioni immunitarie o ridurre gli indici di danno tessutale  muscolare, anche qui  però con poca evidenza di una migliore prestazione o di riduzione del danno ossidativo.